Il punto sulla Fiera di Cremona

 

È sempre difficile trovare il filo conduttore di una manifestazione ricca e complessa come una Fiera.

 

 

Per questo non pretendo certo di essere completo ma, semplicemente, vi riporto le mie impressioni a bocce ferme.

 

 

In particolare su tre punti che sono stati protagonisti a Cremona: elettronica di stalla, prevenzione delle patologie e gestione della carenza idrica.

 

 

L’elettronica per la gestione della mandria ha avuto un ruolo da grande protagonista, sia applicata a sistemi di mungitura sempre più perfezionati e robotizzati, sia come strumenti specifici per l’utilizzo individuale sui capi in stalla. Tutto ciò permette di ottenere una sempre più completa e puntuale mole di informazioni sulla mandria e sul singolo capo per la parte produttiva, riproduttiva, sanitaria e alimentare.

 

 

Una mole di dati che sta portando l’attenzione delle aziende che forniscono prodotti e servizi alle stalle a mirare la loro offerta anche verso sistemi in grado di condensare questi dati in indici sintetici, in grado di fornire in maniera immediata e chiara all’allevatore la situazione del momento e di prospettiva.

 

 

Nella proposta di novità interessanti nella strumentazione più evoluta ha anche aiutato la coincidenza di questa edizione della Fiera con vari anniversari significativi, cosa che si è vista in particolare nel settore del robot di mungitura, sicuramente uno dei protagonisti di questa edizione.

 

 

Sicuramente anche i boli ruminali sono stati tra i protagonisti a Cremona, con un numero crescente di aziende che ha presentato soluzioni nutrizionali e sanitarie basate sulla tecnologia del bolo ruminale, che consente di avere un rilascio graduale e preciso dei componenti desiderati per tempi anche prolungati.

 

 

Cosa che fa del bolo ruminale uno strumento sempre più presente nell’“attrezzatura” di chi gestisce la sfera nutrizionale e sanitaria della mandria, in particolare in chiave preventiva e nutraceutica.

 

 

E proprio la prevenzione delle patologie è il tema centrale di ogni politica aziendale seria di riduzione e ottimizzazione del consumo di antibiotici, punto cardine della stalla a elevata sostenibilità ambientale e accettabilità da parte del consumatore.

 

 

Argomenti ampiamente trattati in Fiera, parlando di mandria ma anche di ottimale produzione foraggera per avere la massima sanità di prodotto già a partire dai campi.

 

E dato che i campi sono sempre più colpiti da siccità prolungate, non poteva essere assente dal dibattito il tema del risparmio idrico e di come affrontare una nuova fase climatica estremamente problematica, anche per il nord Italia, da sempre abituato a non dover fare i conti con la penuria di acqua.

 

 

Si è ragionato di sistemi foraggeri più adatti a questa nuova situazione climatica e della necessità di guardare con sempre maggiore attenzione alle zootecnie di aree del mondo nelle quali il problema idrico è sempre stato una delle questioni limitanti da superare.

 

 

Altro tema collegato a questo realtà, che in Fiera ha avuto vari momenti di approfondimento ad altissimo livello è stato quello del raffrescamento degli animali e di come ridurre lo stress termico in stalla che, dato l’andamento climatico degli ultimi anni, è un problema di parecchi mesi durante l’anno.

 

 

senza-titologfry

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *