Geolocalizzate e contente

 

La geolocalizzazione è cosa abbastanza recente per gli umani, nel senso della vita di tutti i giorni delle persone normali. Di fatto, con tutte le App che zampillano in ogni smartphone, praticamente tutti siamo allegramente e volontariamente geolocalizzabili e geolocalizzati.

 

Per le vacche da latte la cosa è un po’ più recente, ma c’è chi assicura sarà una delle vie di sviluppo di tanta tecnologia in produzione o in fase di sviluppo che allarga sempre di più – in genere aggregando più funzioni – le capacità di un singolo device posizionato sulla bovina.

 

Tra queste, appunto, c’è la geolocalizzazione, ossia la possibilità (grazie a un sistema di antenne che capta i segnali emessi dal segnalatore posto sulla bovina) che ogni animale sia individuato, seguito e il suo percorso registrato e tracciato secondo dopo secondo, passo dopo passo.

 

Così, guardando uno schermo sul quale è riportata la superficie della stalla in cui si muovono le bovine, l’allevatore può in ogni momento individuare la posizione della specifica bovina che vuole trovare per le più svariate ragioni, andando a colpo sicuro.

 

Ma non solo.

 

I tracciati dei movimenti indicano come, quanto e dove si muove ogni animale. Quanto tempo va alla mangiatoia, alle cuccette, agli abbeveratoi, quanto resta qui, là e lì.

 

Ovviamente non c’è solo un dato nudo e crudo, ma anche la possibilità – cosa di cui ovviamente si occupa qualche misterioso algoritmo – di segnalare allarmi e anomalie.

 

Tutti dati utili su cui l’allevatore 2.0, che passerà sempre più tempo davanti a un monitor e meno in stalla, per ragionare e capire meglio la sua mandria.

 

Anche perché ogni dato è sempre più intrecciato ad altri (ad esempio l’indicazione del calore, l’attività di ruminazione, il momento del parto, tutti i dati raccolti dal sistema di mungitura e di alimentazione  e via dicendo) in una ragnatela di dati sempre più fitta, sempre più precisa e completa, che sta cambiando a fondo l’essenza dell’allevamento.

 

Una ragnatela elettronica all’interno della quale ogni bovina con l’optional della geolocalizzazione sarà anche individuabile nel punto esatto in cui si trova.

 

senza-titolo-4

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...