Dal vecchio porticato alla nuova maternità collettiva su paglia

 

 

Mettere a disposizione dei suini le strutture migliori è obiettivo di tutti e per riuscirci in genere servono inventiva e capacità di adattamento.

 

 

Come quello che si è visto in questa scrofaia del lodigiano.

 

 

Tra gli adattamenti messi in opera – e con un limitatissimo costo – c’è il recupero di un porticato per la realizzazione di una sala parto collettiva, su lettiera.

 

 

Tutto nasce dalla necessità di recuperare posti scrofa dall’esistente dotazione di gabbie parto: così è stata creata questa maternità collettiva.

 

 

Qui sono portate otto scrofe con relativa nidiata a quindici giorni dal parto, liberando una sala parto per un nuovo gruppo in ingresso.

 

 

Solitamente lo si fa con una sala parto di primipare, che hanno meno problemi di gerarchia.

 

 

Queste continuano la lattazione nel nuovo ambiente e al momento dello svezzamento i suinetti sono riuniti con gli altri nei locali per svezzati, mentre le scrofe passano nelle gabbie per la stimolazione e la fecondazione.

 

 

Questa maternità collettiva ha un’area ricca di lettiera che fa da zona pulita e una più piccola, con meno paglia, che fa da zona sporca.

 

 

Ci sono varie mangiatoie del tipo “mangia e bevi”, alcuni succhiotti per l’abbeverata e, contro la parete del porticato, c’è una struttura chiusa, coibentata, con lampade riscaldanti, per i suinetti.

 

 

L’ingresso in questa struttura è possibile solo per i suinetti e, all’interno, ci sono delle mangiatoie con mangime sottoscrofa.

 

 

Il benessere animale sommo: le nidiate si mescolano tranquillamente, le scrofe si muovono senza problemi in un ambiente asciutto e pulito grazie a frequenti aggiunte di paglia.

 

 

Certo, si paga un po’ lo scotto di accrescimenti minori dei suinetti rispetti a quelli delle sale parto tradizionali, per via del maggiore movimento che fanno e perché si trovano praticamente all’aperto.

 

 

Niente comunque rispetto all’aumento di efficienza del parco scrofe che questa realizzazione ha consentito.

 

 

1 grande DSC_1501.JPG

DSC_1494 copia.JPG