Cresce la produzione di latte in Nuova Zelanda

 

Terzo tonfo di fila del Global Dairy Trade Price Index, che nell’asta del 3 luglio scorso ha fatto segnare un -5,0%. In precedenza (19 giugno) il dato negativo era stato del -1,2% e in quella ancora prima (5 giugno) era stato del -1,3%.

 

Tutti i dati li trovate qui.

 
Tre tonfi di fila, e l’ultimo è pesante, hanno una spiegazione.

 

In Nuova Zelanda c’è stato un recupero di produzione, dopo gli eventi meteo che l’avevano penalizzata a fine 2017.

 

Ciò ha portato a una crescente disponibilità di latte sul mercato dell’export da parte della Nuova Zelanda che, giova ricordarlo, è  il Paese massimo esportatore di latte al mondo e quello quindi più influente nel dare la direzione del prezzo generale sui mercati.

 

Schermata 2018-07-05 alle 09.07.35