Fatti più in là, stupido paddock

 

Ci sono tanti modi in cui il paddock è declinato in una stalla di vacche da latte. Perlomeno là dove il paddock è rimasto. Tra essi, qua e là, non mancano esempi abbastanza terrificanti, quanto a effetto sul benessere delle bovine e sui problemi legati allo smaltimento di liquami e colaticci di vario ordine e grado.

 

Dei veri e propri stupidi paddock, che creano più problemi di quanto non contribuiscano a risolverne.

 

Tuttavia, a volte, qualche modifica, ancorché non grande, può migliorare enormemente il grado di fruizione di questo spazio da parte delle bovine che, come sempre, non appena viene dato loro un quid di benessere in più, ripagano con gli interessi il favore ricevuto.

 

In latte, minori problemi sanitari, maggiore fertilità.

 

Questo è l’ultimo esempio che ho visto in proposito.

 

Per avere un’idea: nel corpo stalla di vecchio tipo erano state realizzate delle aperture e posta una nuova fila di cuccette esterna, coperta da una tettoia, in quello che era (ed è tuttora) il paddock, a ridosso del muro della vecchia stalla.

 

All’altro capo del paddock è stata posizionata una mangiatoia supplementare.

 

Tutto regolare sulla carta: la mandria cresce, si aggiungono cuccette e posti mangiatoia.

 

Il problema era proprio il paddock: una superficie in cemento, ampia, liscia, scoperta tra la tettoia delle cuccette, da una estremità, e quella per la mangiatoia dall’altra.

 

Come diventasse questa superficie in estate è facile immaginarlo, tanto più con una esposizione che gli garantiva tutto il sole del pomeriggio: una vera e propria piastra bollente, che le vacche avevano ben poca voglia di attraversare per molte ore nel lungo pomeriggio.

 

Col risultato che la mangiatoia supplementare aggiunta in corrispondenza all’inserimento delle nuove cuccette veniva ignorata o quasi da mezzogiorno a sera.

 

L’altra mangiatoia, nel vecchio corpo della stalla, era di fatto l’unica utilizzata per molte ore, con tutti i problemi di sovraffollamento conseguenti (la mandria era infatti aumentata).

 

Questo paddock è stato infine coperto con una tettoia isolata per tutta la sua superficie e l’utilizzo della nuova mangiatoia da parte delle bovine è tornato a tempo pieno.

 

Immediato è stato l’effetto sul latte prodotto dalla maggiore regolarità di assunzione di alimento e dalla accresciuta quantità.

 

E ancora non è tutto.

 

Perché l’idea ora è quella di trasformare il paddock (insieme al resto della stalla) in una struttura su lettiera permanente (la superficie non manca), opportunamente lavorata, in sostituzione delle cuccette.

 

Sfruttando così al meglio uno spazio che fino a poco tempo prima era praticamente un ostacolo.

 

Vantaggi ulteriori sul benessere se ne vedranno.

 

E, a seguire, come sempre, la generosa ricompensa delle bovine.

 

 

stalla-compost-barn-bella.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...