Ai Millenials lo yougurt piace grasso

 

Cominciamo col definire chi sono i Millennials, casomai ci fosse qualcuno che non sappia chi siano. Ricercatori, sociologi, esperti di marketing definiscono Millennials o Generazione Y quelle persone nate tra gli anni ’80 e 2000, prima generazione a godere della totale connessione a tutto e tutti.

 

Generazione che mostra comportamenti assai diversi dalle generazioni precedenti: non è troppo interessata a comprare beni simbolici, come ad esempio un’auto o una casa. Preferisce il prestito, l’affitto, lo scambio, tutto ciò, insomma, che non limiti la possibilità di muoversi; fa cose, vede gente, cerca esperienze, filma, posta, scambia, vive nel raggio di un wi-fi gratuito e, quanto a mangiare e bere, ha accesso a una montagna di informazioni mai conosciuta prima.

 

Dato che si tratta di una generazione che traina il mercato e che avrà sempre più peso con il passare del tempo, è interessante notare  – come spiega bene un articolo su Dairy Foods – che in materia di alimenti i Millennials cercano marchi premium e sono disposti a pagare anche un po’ di più per averli. Vogliono però sapore, e stanno abbandonando i dietetici e insapori prodotti a latte scremato alla ricerca di prodotti del segmento premium che hanno il sapore e il gusto del latte intero e di tutto il suo grasso.

 

Una tendenza che va crescendo e che vede coinvolto in particolare lo yougurt, che sta diventando il protagonista di una nicchia tutta sua, fatta di innovazione e di vari tipi di referenze che andranno ad occupare gli scaffali di vendita e saranno con sempre più attenzione considerati dai consumatori, non solo per la prima colazione ma anche come snack a tutte le ore, al posto dei classici prodotti dietetici a basso contenuto in grassi.

 

Del resto i dati Nielsen – come sottolinea l’articolo di Dairy Foods – indicano un declino costante delle vendite di yogurt magro.

 

Se questo succede negli Usa, è evidente che la cosa ha e avrà un orizzonte ben più ampio.

 

Chi fa latte e chi fa yogurt è avvisato.

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *