Un centesimo (al litro) ben prestato

Un centesimo ogni litro di latte, ma un centesimo ben prestato.

Di che parliamo?

Di un passaggio nella recente assemblea straordinaria della Compral Latte (250 aziende associate, che conferiscono oltre 5 mila quintali di latte al giorno all’Inalpi di Moretta) che merita, a mio avviso, una sottolineatura.

Per l’importanza che ha in sé, ma anche per il significato che riveste per tutto il settore produttivo.

Si tratta di una novità assoluta nel rapporto di filiera tra produttori e trasformatori: la partecipazione al piano di investimenti della parte industriale a cui viene conferito il latte.

I soci Compral, infatti, si impegnano a sottoscrivere la quota di 5 milioni di euro del prestito obbligazionario convertibile emesso dall’azienda di Moretta (15 milioni) per realizzare la seconda torre di sprayatura e potenziare le linee di lavorazione.

Il prestito avrà una durata di 15 anni, con tasso di interesse annuo del 2%, e verrà finanziato con la cessione di 1 centesimo per ogni litro di latte conferito.

Dove sta il punto chiave della questione?

Evidente: chi produce si impegna in prima persona “anche” nel segmento successivo.

Certo, i ruoli restano distinti, ma è evidente che questo passo rappresenta uno spostamento nella direzione giusta: diventare protagonisti anche nella fase industriale di trasformazione.

O, se non protagonisti, almeno non più soltanto spettatori passivi.  

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *