Benvenuti nella Baby Farm

Benvenuti nella “Baby Farm”. Realizzazione appena ultimata da un bravo allevatore di Castel di Sangro, di cui non faccio nome ma che da un anno e mezzo ha anche messo in stalla un robot di mungitura, così se non capite chi è, è solo colpa vostra. 

Bene, il nostro amico ha praticamente ultimata, facendosela in proprio, questa Baby Farm, che vi mostro con dovizia di particolari.

Nelle varie foto si vedono le tre corsie, delimitate da cordoli in cemento armato. “Ho voluto questa suddivisione – spiega – per contenere meglio la lettiera, composta da paglia, e poi per dividere in settori l’area. In questo modo, se voglio lavare solo una delle tre corsie, posso farlo senza inondare tutto”.

Continuiamo.

“La corsia centrale è fatta su misura per favorire l’entrata del nostro telescopico. I divisori tra un box e l’altro sono estraibili, perché abbiamo intenzione di allevare in gruppi di 2-3 e tenerli singoli solo durante l’allattamento. Altro particolare sono le finestre: su ogni lato ci sono due finestroni che scorrono verso il basso, attualmente sono manuali, ma verranno meccanizzato. Nonostante siano chiuse lasciano comunque una feritoia di 10 cm nella parte alta, così da favorire il ricambio d’aria. Non entrano correnti perché la gronda è lunga 60 cm”.

Nelle altre foto ci sono la zona per la preparazione del latte, con pavimento in gomma e a breve verrà montato un lavabo e una caldaia per l’acqua calda, mentre dalla parte opposta c’è un piccolo magazzino per il mangime, il latte e così via.

Quest’ultima zona è rialzata di 10 cm da tutto il resto, così resta asciutta quando si lava.

La cosa di cui sono maggiormente soddisfatto – spiega l’amico allevatore – riguarda i cancelli: in commercio non ne trovavo come li volevo io, quindi li abbiamo dovuti creare da zero. Hanno il posto per acqua, fieno e mangime, tutti a livello del terreno e in alto il posto per apporre il milkbar. Posizioni strategiche quindi, con gli alimenti disposti come natura vuole”.

C’è da aggiungere altro per un “wow!”?

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *