Biosicurezza: da Cenerentola a protagonista del gran ballo

 

Si applicherà a partire dal 21 aprile 2021 e, quindi, nella normale organizzazione del pensiero e dell’azione che ci caratterizza, il primo pensiero è: c’è tempo, ci penseremo.

 

Questa non è mai la migliore tra le opzioni in genere, ma ancora meno per il Regolamento UE 2106/429, da poche settimane pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea.

 

Per farla breve, questo Regolamento definisce il nuovo quadro normativo – e, di conseguenza, operativo – per tutto ciò che riguarda la sanità animale.

 

Un quadro, quello che è definito dal Regolamento, nel quale è molto chiara l’importanza crescente che hanno nell’opinione pubblica e, quindi, nel legislatore, le preoccupazioni sull’uso dei farmaci in zootecnia e i rischi di resistenze.

 

Inutile fare finta di niente: l’allevamento dei prossimi anni sarà sempre meno medicato, per amore o per forza. L’allevatore dovrà perciò produrre carne o latte e poter dimostrare che questo è avvenuto con un minimo – se non addirittura assente – utilizzo di certi farmaci, in primis gli antibiotici, nella prassi quotidiana.

 

E questo non solo per le normative, ma perché solo così sarà commerciabile ciò che produce. Perché, per dirla in altre parole, i grandi marchi mondiali si stanno muovendo verso produzioni a bassissimo o assente input antibiotico e queste linee di prodotto sono anche quelle più premiate dal consumatore.

 

E in grandi nomi sono come dei rompighiaccio che tracciano una via seguita poi, inevitabilmente, anche dai più piccoli, fino a stabilire uno standard per tutti che diventa la nuova normalità.

 

In questa situazione, dove la pressione del mercato rinforza quella delle norme e viceversa, il binomio allevamento-biosicurezza diventa la trave portante della nuova struttura.

 

Attenzione però. La parola biosicurezza è stata usata e abusata e spesso con contenuti variabili in base alla stagione. Ora invece si fa sul serio.

 

Serviranno protocolli precisi e scritti che definiscano pratiche di allevamento, individuazione dei rischi, modalità di prevenzione previste, individuazione puntuale di chi e come trattare con antibiotici, quando farlo, come, con che molecole.

 

E dovranno essere protocolli specifici per l’azienda, organici, che comprendano la filiera completa dall’inizio alla fine, raccordati con il territorio circostante, non semplici copia/incolla scopiazzati dal web.

 

Certo serviranno conoscenze nuove per l’allevatore e per il veterinario, perché la prospettiva si ribalta per tutti: non più intervenire sul caso di malattia, ma lavorare per avere il massimo numero di animali sani. E con il minimo ricorso al farmaco.

 

Tutto ciò rappresenterà magari un costo aggiuntivo nell’immediato, come ogni grande cambiamento, ma sicuramente potrà diventare un volano di sviluppo e di creazione di valore per la produzione della stalla. Come nei fatti già lo è, per quelle realtà – non solo nel mondo della produzione biologica – che possono certificare produzioni “pulite”.

 

La biosicurezza è stata per molto tempo considerata nell’allevamento una Cenerentola rispetto ad altre vie più semplici e meno impegnative, inevitabilmente diventate anche delle scorciatoie per coprire deficit gestionali.

 

Ora Cenerentola si prende la sua rivincita e chi vorrà produrre – che lo voglia o no – dovrà per forza fare il ballo con lei. Meglio dunque non rinviare troppo le lezioni di ballo.

 

 

kiuuyiy0

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *