Gestire una crisi di comunicazione, secondo gradino: costruire un team

Secondo passaggio della strategia che Chuck Sanger suggerisce per gestire al meglio una crisi di comunicazione, che, ricordo, è quella situazione di panico che scaturisce dall’essere privilegiati da un attacco di qualche gruppo animalista che ha preso sotto la sua amorevole cura la vostra azienda.

Ebbene, il secondo passo suggerito è: costruire un team. O, meglio: averlo già pronto, cioè costruirlo in anticipo.

Meglio, infatti, essere pronti e preparati, per sapere esattamente chi farà (e dirà) cosa.

Un team efficace dovrebbe comprendere: il proprietario, un consulente legale e un esperto di comunicazione.

Tre figure chiave sia in fase di elaborazione del piano (si è parlato nel primo gradino) sia per gestire la fase calda.

Prossimo gradino: non dar un’impressione di colpevolezza.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email