Come si compra oggi (e, già che ci siamo, cosa si compra)

Rubo ancora uno spunto (e una slide) – e non sarà l’ultimo (e l’ultima), vista la varietà e la sostanza dei contenuti emersi nell’evento – dal recente Dairy Sumit.

Questa volta andiamo alla fine della filiera, alla mano che si allunga verso lo scaffale.

L’avete visto dalla slide: come si compra oggi? E che differenze ci sono da come si comprava ieri e l’altro ieri?

Le nostre nonne compravano disponibilità: era già un bel colpo se c’era qualcosa da mettere sul tavolo. Le nostre mamme compravano le marche: era la marca del prodotto x o y a dare tutte le rassicurazioni che il consumatore chiedeva, più o meno inconsciamente.

Ma ora siamo nel tempo delle nostre figlie: e queste, estremizzando nella sintesi, comprano informazioni.

Questo è il passaggio chiave, che si riflette direttamente anche su chi produce.

Non basta fare prodotto, non basta fare qualità, non basta essere etici, ambientali, praticanti del benessere: tutto questo deve esserci ma deve essere efficacemente comunicato.

Qui si fa la differenza e qui si crea valore: c’è tanto latte in arrivo, ma la scommessa è che la in più sia trasformata in valore aggiuntivo per la filiera, magari per quel primo segmento che solitamente è quello che mangia le briciole al tavolo delle ripartizioni.

Ma questo anche perché è il segmento che meno riesce a trasformare in informazioni di valore quello che fa. E, ripetiamo, fa tanto, molto di più di quel che si pensi, in termini di benessere animale, di rispetto ambientale, di qualità e salubrità e via salmodiando.

Tuttavia spesso è come il criceto che gira sulla ruota: tanto sforzo, ma gira la ruota nella gabbietta, e tutto il resto resta immobile.

Quindi, per tornare all’inizio: il braccio rivolto allo scaffale compra prodotto e informazioni. La via del valore passa da lì, anche per i produttori.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *