Contatto madre-vitello appena nato? Qui si fa così

È cosa nota che un punto critico nella percezione e nel racconto all’esterno dell’allevamento da latte è la separazione precocissima del vitello dalla madre.

Potete spiegare quanto volete sulle ragioni sanitarie di questa pratica: sempre si andrà a parare sulla crudeltà del distacco madre-vitello.

È chiaro quindi che questo è un punto su cui si deve lavorare per trovare percorsi più avanzati che mettano d’accordo esigenze gestionali e sanitarie con le istanze animaliste di varia tendenza e presa mediatica.

Di percorsi ne fa anche questo allevatore emiliano, che ha un suo protocollo (e una attrezzatura ad hoc) per gestire il contatto madre-figlio.

In breve: il vitello nasce ed è messo in questa gabbietta mobile che è progettata proprio per questo scopo.

La gabbietta può essere spostata agevolmente grazie alle ruote e viene posizionata nell’apertura di sicurezza che dà sul box parto.

La madre a questo punto di avvicina, lecca, tocca, annusa, fa tutto quello che il suo istinto le suggerisce, ma il vitello resta staccato, in un ambiente pulito e senza contatti con il box parto.

In alternativa (perché non è da escludersi che un vitello più vispo del solito dall’apertura possa entrare nel box) la gabbietta può essere appoggiata a un punto qualunque della barriera che delimita il box parto.

Passate le ore che si vogliono dare per questo momento madre-vitello, la gabbietta fa il percorso contrario, viene messa la lampada riscaldante e il vitello resta per circa 24 ore, quando passerà alla vitellaia.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

1 Commento

  • Personalmente sono del parere che sia meglio allontanare la vacca dal vitello, prima possibile, in quanto, più lungo è il contatto, più i soggetti coinvolti si affezionano, e quindi il successivo distacco sarà più traumatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.