Dopo l’autunno-vernino risorgo con il sorgo?

 

Toccherà al sorgo recuperare ciò che la siccità  sta riducendo?

 

Sicuramente è una coltura da tenere sempre più in considerazione, ora più che mai con la stagione siccitosa in corso e con la penalizzazione conseguente agli erbai autunno-vernini.

 

“Contengono zuccheri altamente disponibili e hanno una digeribilità della fibra che è quasi doppia rispetto a quella del mais. Andiamo a produrre energia, tanta energia, con gli zuccheri e con le fibre, anziché con l’amido come avviene con il mais”.

 

 

Lo dice un altro agronomo di quelli importanti, che lavora da decenni nella messa a punto di erbai e miscugli il cui obiettivo è far fare latte alle bovine sfruttando la loro caratteristica principale: essere ruminanti. Ossia animali capaci di trasformare la fibra – se digeribile – in energia e proteine di grande valore.

 

Dopo il cereale autunno -vernino avanti dunque a tutto sorgo, o quasi.

 

 

Un passo indietro. E il mais?

 

In Italia – sottolinea –  abbiamo mais mediamente poco adatti all’alimentazione della vacca da latte. E questo perché, con la terra scarsa e costosa, l’imperativo è stata la quantità. Ma per fare quantità servono piante molto alte, e, di conseguenza, sono piante la cui fibra ha una struttura fibrosa ricca di lignina.

 

Quando vuoi fare 650-700 quintali/ettaro di insilato di mais, devi avere piante alte dai 3 metri in su.

 

Non si scappa: non puoi essere alto e molle, altrimenti non stai in piedi (a meno che l’obiettivo è il pastone, ma allora è un altro discorso).

 

Però, un conto è la massa, un altro conto è quello che da questa massa il rumine riesce a ricavare.

 

Certo, c’è l’amido, ma il paradigma energetico della razione per la vacca da latte, per quel che può essere gestito a livello di produzione in campagna,  è sempre più rivolto all’energia da fibra e zuccheri e meno dall’amido.

 

Perché dove c’è tanta fibra altamente digeribile, e ci sono anche zuccheri, il lavoro del rumine torna ad essere eccellente, l’acidosi ruminale diventa un ricordo, la vacca sta meglio, la fertilità sale, la produzione cresce e crescono i titoli. Si spende meno in farmaci, si butta meno indigerito con le feci, si possono fare razioni più basse a proteine, si abbassa il costo razione.

 

Dunque, il sorgo?

 

Ci sono a disposizione sorghi zuccherini da foraggio con una digeribilità dell’NDF a 30 ore dell’85%, a cui si aggiunge l’elevato contenuto di zuccheri, spiega.

 

E poi ci sono le caratteristiche agronomiche.

 

Un sorgo ha un ciclo corto, di 90 giorni, ma potrebbe essere tagliato a 60 giorni e fatto ricacciare, cosa che il sorgo fa.

 

E poi se non ha acqua non si stressa, si ferma e poi riparte quando la situazione migliora.

 

Mix-Sorgo

 

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *