E il Grillo parlante diventò un pellet di mangime…

È abbastanza nota a tutti la triste vicenda del Grillo parlante nella storia di Pinocchio: una martellata e via, fine dei giochi, spiaccicato al muro.

 

Certo, non si può imputare a Collodi la colpa di non aver previsto un seguito per le spoglie del povero grillo. Egli ignorava – certo non per demerito o incuria, ma semplicemente perché lo studio di mercato è di questi giorni – che entro il 2024 ci sarebbe stato un grande balzo nell’utilizzo degli insetti come fonte di proteine per il settore mangimistico.

 

La ricerca di mercato è stata condotta dalla società Persistence Market Research ed è stata segnalata dalla rivista Mangimi&Alimenti.

 

La ricerca sottolinea che gli insetti sono un prodotto accessibile, sicuro e conveniente. Nel prossimo futuro, pertanto, il mercato degli insetti è destinato a crescere in modo significativo, anche alla luce dell’aumento della domanda e delle quotazioni delle farine di pesce, di carne e di soia.

 

Secondo gli esperti, l’utilizzo degli insetti potrebbe rappresentare una valida fonte proteica alternativa. Inoltre, il loro impiego potrebbe comportare una riduzione dell’uso e del costo delle farina di pesce e di soia, rendendo il prezzo dei mangimi più competitivo.

 

Nel documento si evidenzia, poi, che gli allevamenti di insetti commestibili comportano meno investimenti rispetto a quelli degli altri animali, sono caratterizzati da una crescita rapida ed elevata e da un basso impatto ambientale.

 

Non solo inquinano di meno, ma per produrre gli insetti è anche necessaria una quantità inferiore di acqua, rispetto a quella richiesta da altri ingredienti per mangimi.

 

 

nnnnn

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *