Europa, terra in vendita al miglior offerente

Nei prossimi decenni il problema dell’approvvigionamento di derrate alimentari sarà un problema per tutti e potrebbe trasformarsi in una vera emergenza.

La terra diventerà troppo poca per sfamare tutti? Ecco che ci si porta avanti e si acquistano sterminate distese di terreno, in particolare in Africa.

Questo ha un significato speculativo, per il valore che queste terre avranno in futuro, e anche pratico, per produrre derrate da indirizzare nel Paese di riferimento.

Ovviamente ipotecando pesantemente le possibilità di sviluppo africane, secondo un copione da sempre messo in atto: cinismo da una parte, classi dirigenti locali corrotte, se non criminali, dall’altra, hanno sempre trovato un accordo per togliere all’Africa i suoi tesori: minerali, diamanti, petrolio. E, domani, terra fertile.

La novità però che ci riguarda da vicino, e che viene rilanciata dall’ultima newsletter dell’Accademia dei Georgofili, è che una forma più “dolce” di Land Grabbing da parte di entità finanziarie straniere sta avendo luogo anche in Europa.

L’assalto alla conquista – a suon di dollari – della terra europea non è così eclatante come quello che riguarda l’Africa, ma ugualmente insidioso, perché sottrae al controllo diretto europeo un numero crescente di ettari che diventano proprietà di hedge funds o strutture finanziarie riconducibili a nazioni estere.

 Davvero si può stare tranquilli e pensare che l’Europa sia solo una questione di banche?

 

senza-titolo-5

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *