Per l’essiccatoio l’aria calda arriva dal sottotetto: l’idea per l’estate

Documento5

 

_________________________

Un’idea da considerare, per risparmiare sui costi di essiccazione e anche per ridurre le emissioni complessive dell’unità di latte prodotta in stalla. Giusto per essere pronti quando sarà il momento (sia per quel che riguarda i prossimi fieni, sia per quanto riguarda i vincoli sulle emissioni che arriveranno, eccome se arriveranno).

 

Ora, che il sole sia fondamentale per fare buon fieno è risaputo. Ma può esserlo anche per portare avanti l’essicazione non in campo ma mediante l’essiccatoio. Risparmiando gasolio o metano (o non usandone proprio in alcuni mesi) e dando un ulteriore “bonus” ecologico per la produzione di latte, utile e raccontabile.

 

Questo avviene quando l’essiccatoio dei foraggi è alimentato dall’aria calda che proviene dal sottotetto del fienile, si riscalda ed arriva all’essiccatoio con parecchi gradi in più rispetto a quando è partita, permettendo un consumo assai minore di gasolio o metano o, in casi di temperature particolarmente alte, sostituendoli completamente.

 

È questa la situazione di questa stalla (e, ovviamente, anche di tante altre, ma non poi così tante come invece la cosa meriterebbe).

 

Il nuovo fienile è stato costruito non solo per conservare al meglio i foraggi essiccati, ma anche di contribuire attivamente alla loro essiccazione.

 

La cosa è molto semplice. Si tratta di realizzare una intercapedine sotto il tetto all’interno della quale l’aria in ingresso si riscalda e, all’uscita, dalla parte opposta del capannone, è avviata all’essiccatoio.

 

Un giochino che permette un rialzo di temperatura (tra ingresso e uscita) in estate di oltre 20°C, e ovviamente anche di più quando impazzano certe ondate di calore.

 

E si possono essiccare i balloni praticamente senza fare ricorso al gasolio o con minime integrazioni.

 

Certo, sono i mesi estivi quelli in cui il sistema dà il meglio di sé, ma sono anche in mesi in cui si fa l’essiccazione dei foraggi.

 

Per costruzioni nuove ovviamente è tutto più semplice, ma il tetto solarizzato del fienile può benissimo essere preso in considerazione anche per ristrutturazioni e rimozione di vecchi tetti.

 

L’aria calda che si ottiene è una risorsa da sfruttare: ecologica, pulita, sostenibile, gratis.

 

 

IMG_5451.jpg

 

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *