Gestire una crisi di comunicazione. Primo gradino, avere un piano

Gestire una crisi di comunicazione: pensate che sia facile?

Mi spiego meglio.

Magari non capiterà a tutte le aziende che allevano animali, probabilmente capiterà a poche, forse a pochissime, ma sicuramente non c’è azienda che possa ritenersi totalmente al sicuro da un’incursione di chi sappiamo, con tutte le conseguenze del caso: denunce addolorate, scandalizzate, indignate, gogna mediatica e via dicendo.

Inutile giraci intorno: un allevamento attira certe anime belle come il miele le mosche. e, altrettanto vero, come ogni attività complessa che si snoda in una gran quantità di intersezioni, di ambiti, di situazioni spesso in cambiamento continuo, è praticamente impossibile avere sempre, tutto, perfettamente fotografabile, filmabile, presentabile.

Basterebbe il buon senso per spiegarlo, in tempi normali. ma questi sono tempi un po’ così, dove la comunicazione si tira come un elastico e la si fa arrivare – o colpire – spesso come e dove si vuole.

È così, credo, sarà così ancora di più in futuro.

Ebbene, tornando al punto, siamo attrezzati per gestire, sul piano della comunicazione, o, meglio, della contro-comunicazione, una situazione del genere?

Ecco perché questi consigli di un esperto di comunicazione in situazioni di crisi, mi sembrano interessanti anche a livello generale, perché forniscono un metodo.

Come per l’airbag dell’auto, che nella stragrande maggioranza dei casi non sappiamo nemmeno se ci sia veramente, dato che resta lì tranquillo al suo posto senza essere chiamato in causa, ma comunque – un metodo come l’airbag – meglio che ci sia.

Cominciamo dal primo consiglio (sono nove, quindi è chiaro che andremo avanti un po’): avere un piano.

Che significa?

Semplice. Come spiega il comunicatore è difficile mettere insieme qualche cosa di sensato sui due piedi, mentre si è nel pieno del frullatore mediatico. Non c’è la freddezza per ragionare, si rischia di fare e parlare a sproposito e fare più danno che utile.

Meglio, molto meglio, fare prima, immaginare una situazione che potrebbe avere luogo e a tavolino predisporre le contromisure comunicative più sensate, permettendosi il lusso di limare, cambiare, aggiustare finché troviamo la via migliore da percorrere.

Un piano di azione, pronto da usare al bisogno, per fare realmente l’interesse dell’azienda e non reagire d’impulso.

Già, ma non è così facile districarsi tra tutti i meandri e le zone oscure della comunicazione, con i suoi effetti, le sue trappole, i suoi scherzi. Meglio allora – consiglia, anche se qui si può immaginare una certa posizione di parte – appoggiarsi a un esperto di comunicazione per definire con lui questo piano.

Dunque – e ci fermiamo qui – primo gradino: avere un piano.

immagine Pixabay

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email