Il futuro è rosa?

Sui colori del futuro prossimo le tonalità si sprecano, ma sono tutte tendenti al cupo. Eppure c’è del rosa e sempre di più. Almeno, se vogliano usare questo colore (stando ovviamente a suddivisioni obsolete e retrograde, come sottolineano i pensatori illuminati) per definire la componente femminile nelle aziende zootecniche.

Già, perché la tendenza è chiara: ci sono sempre più donne in posizione chiave nelle stalle e anche in ricambio generazionale vede sempre più spesso le figlie accanto ai figli, o magari ricambi solo al femminile.

Qualcosa di impensabile alcuni decenni fa, e anche meno, che riflette il profondo cambiamento in atto nell’agricoltura e nella zootecnia. Un cambiamento fatto di elettronica, di monitoraggio, di automazione, di tantissimi dati a disposizione. Dove il lavoro fisico, che rendeva quasi obbligatorio che la stalla fosse solo “cosa da uomini”, si è ridotto moltissimo. Ma sono emerse altre esigenze, indispensabili ora come la quantità di lavoro fisico lo era allora: ordine mentale, multitasking, elasticità, praticità, logica. Da qui, del resto, passa ogni possibilità di miglioramento di reddito.

E si vede, laddove ci sono donne al timone, che in questo nuovo scenario si trovano benissimo. Certo non meno bene, e con meno risultati, degli uomini.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.