Il punto della Fao su produzione globale di materie prime, latte, carne e prezzi

 

La Fao ha pubblicato nei giorni scorsi il suo Indice dei prezzi alimentare e il Rapporto sulla produzione e sulla domanda di cereali.

 

I due rapporti forniscono indicazioni utili per avere una visione di prospettiva di produzioni e prezzi per le principali materie prime di uso alimentare e zootecnico, nonché sulla produzioni di carne e latte nel mondo e sul suo riflesso sui prezzi.

 

 

Ecco di seguito i punti principali (per i dettagli vai qui e qua)

 

 

Si prevede una contrazione del 2,2% nella produzione mondiale di grano, quasi neutralizzata dall’ampliamento dell’1,4% della produzione globale di mais – trainata dal Sud America e dall’Africa meridionale – e dall’aumento dello 0,7% della produzione mondiale di riso.

 

 

 

La produzione mondiale aggregata di cereali si prevede diminuirà dello 0,5%, attestandosi a 2. 594 milioni di tonnellate.

 

 

La Fao ha anche ridotto la sua previsione sull’utilizzo globale di cereali portandolo a 2.584 milioni di tonnellate.

 

 

Con una domanda che si prevede inferiore alla produzione, gli stock di cereali rimarranno in stallo attestandosi nel 2018, alla fine delle stagioni produttive, a 703 milioni di tonnellate, poco di più rispetto al record previsto per quest’anno.

 

 

La produzione mondiale di semi oleosi dovrebbe raggiungere un livello record nel 2016/17, dovuto principalmente a livelli eccezionali di resa della soia, consentendo ulteriori ricostituzioni degli stock globali.

 

 

Le proiezioni sugli inventari riflettono sostanziali cambiamenti in Cina – che sta abbassando le proprie scorte di cereali secondari – ma la previsione complessiva è di ampie forniture.

 

 

La Fao offre anche un’analisi dell’impatto che la liquidità può avere avuto sulla forte crescita dei prezzi delle materie prime e sulla contrazione degli ultimi 20 anni, trovando la prova che le condizioni globali del credito influenzano i prezzi di riferimento del mais, della soia e del frumento.

 

 

Secondo il rapporto la crescita della produzione di carne a livello mondiale dovrebbe rallentare per il terzo anno consecutivo, a causa principalmente del calo previsto in Cina, che dovrebbe incrementare le importazioni dagli Stati Uniti e dal Brasile.

 

La produzione di latte a livello globale dovrebbe crescere nel 2017 dell’1,4%, trainata da una rapida espansione in India.

 

 

mais frumento soia

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *