L’Italia è ancora un Paese da mais?

 

Si può fare a meno del silomais. E si può farlo con un allevamento che gira a mille (adesso), meglio di quanto andasse prima (quando la razione prevedeva un altissima quantità di silomais).

 

Dopo un’estate come quella appena trascorsa crescono e si rafforzano gli interrogativi sulla convenienza di continuare a utilizzare il mais come base foraggera.

 

C’è un clima che si è fatto critico da primavera a estate inoltrata, l’acqua poca quando serve e costosa da usare per l’irrigazione, e ne serve sempre di più per limitare i danni di bolle di calore e siccità prolungate, frequenti e micidiali.

 

Produrre mais costa tanto e la qualità finale in balia di tanti elementi difficili – a volte impossibili – da controllare.

 

Chi non ha ripensamenti da fare e continuerà sulla strada già intrapresa, tra i tanti, è questo allevatore veneto che da cinque anni a questa parte ormai, ha abbandonato il silomais.

 

Al suo posto ha scelto – e sta continuando a scegliere, cercando quello migliore – miscugli di cereali autunno-vernini che insila ad elevato tenore di sostanza secca e a questi fa seguire il sorgo, anch’esso insilato.

 

Le ragioni di questo abbandono del silomais? Soprattutto la difficoltà, legata l’andamento stagionale e alla disponibilità d’acqua per le irrigazione, di avere un prodotto di qualità. E poi il problema delle micotossine, il cantiere di lavoro impegnativo e costoso.

 

Erano problemi cinque anni fa, figuriamoci ora.

 

Da qui la nuova impostazione foraggera, che poggia in maniera centrale sull’erbaio autunno-vernino e sull’umile (ma sempre più raffinato) sorgo da foraggio a fare da complemento.

 

Le produzioni e la situazione complessiva della mandria non hanno dato segno di soffrire troppo alla dipartita del silomais, anzi.

 

Dal “mai senza mais”, a “mai il mais” il passo è breve. E, dopo un’estate come quella appena passata, non saranno pochi quelli che lo intraprenderanno.

 

mais in crisi idrica

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *