Madre Russia, arriviamo

 

Ammettiamolo.

Sarà per un retaggio di film visti e rivisti, dove il russo era sempre quello che faceva la parte del cattivo sbaragliato dallo yankee di turno tutto muscoli e bistecche. Sarà anche perché ai tempi dell’Unione sovietica il grigiore – piuttosto che il rosso che piaceva tanto al regime – era la nota cromatica dominante, a fronte dello scintillante mondo americano. E sarà pure perché, nella patria dell’inglese maccheronico, chi l’inglese lo parla per nascita è considerato con un certo tremore e timore.

 

Insomma: nella sfida tecnico-culturale, anche in tema di stalle e vacche, gli Usa, nell’immaginario collettivo hanno sempre sbaragliato tutto quello che c’è a est dell’Europa: Russia, appunto.

 

E ci mancherebbe: l’american way nel mondo dairy ha un posto di prestigio che nessuno discute.

 

Però, c’è un però.

 

Semplificando, e quindi con tutti i limiti del tanto al chilo, c’è molto nell’american way alla produzione di latte (verbo esportato in tutto il mondo dall’esercito di professori e tecnici di vario ordine e grado che affollano palchi di ogni sala convegni) che è perfetto, ma con un punto debole: è un insieme di regole, protocolli, misure abbastanza rigido.

 

Un cappello che si vorrebbe indossare su ogni testa.

 

Ma, come insegna l’osservazione, di teste ce ne sono tante e non è vero che uno splendido cappello cada a pennello per tutti. Per qualcuno può essere piccolo, per altri grande, e così via.

 

Vero è che sono in molti, per una certa sudditanza tecnico-culturale, a infilarsi questo cappello sempre e comunque, in Italia e nel mondo, applicando senza fiatare schemi e protocolli a stelle e strisce.

 

Tuttavia c’è qualcosa che sta cambiando. C’è una qualità nel “mercato” dell’assistenza tecnica che è sempre più apprezzata e, guarda caso, è la risorsa principale dello stile italiano alla produzione di latte:  l’adattamento della tecnica alle mille realtà differenti che ci sono nel mondo. Non per niente la zootecnia italiana è quella che opera con una varietà di climi e situazioni tale da essere un vero e proprio spaccato di ogni Paese al mondo.

 

Da qui una competenza dei nostri tecnici e allevatori, che trovano sempre più estimatori – e chiamate – all’estero, fuori dall’Europa.

 

In particolare verso est: Russia e suoi vecchi satelliti. Qui si sta letteralmente ricostruendo la zootecnia da latte e c’è un’impronta italiana che cresce, seme di sviluppi futuri ancora più significativi.

 

 

senza-titolo-5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *