La posta fissa rivista e corretta: più benessere e più pulizia

Per coloro che pensano che quel leggono su questo Blog sia tutta farina del mio sacco, la risposta è ovviamente no.

Ho vari amici che non mancano di darmi spunti e suggerimenti interessanti. Tra questi ringrazio Luigi, alias Zopparo Padano.

Torniamo alla stalla con vacche legate mostrata alcuni giorni fa. Quando si parla di poste fisse l’”orrore” dei “benesseristi animalisti” è senza appello.

Eppure qui la creatività dell’allevatore ha messo in atto modifiche interessanti, proprio volte a dare più benessere. Certo, è importante tenere sempre presente un concetto chiave: la valutazione è sempre globale e non si deve fermarsi a un singolo elemento.

Detto ciò, cedo la parola a chi ne sa più di me.

Quando le stalle legate a corsia di alimentazione centrale hanno sostituito le vecchie con mangiatoia al muro – spiega Luigi – ha preso il sopravvento, almeno in Emilia, il sistema con catena verticale fissa e collare scorrevole.

Certamente pratico per legare (e slegare) velocemente vacche di ritorno o in partenza per il pascolo, sicuramente molto limitante per bovine sempre alla posta.

Infatti impedisce alla vacca il corretto movimento di scarico del retrotreno e la successiva fase di allungamento quando la vacca prova ad alzarsi.

Il nostro allevatore ha utilizzato l’intelaiatura esistente per fissare una “Y” rovesciata al tubo superiore orizzontale.

Grazie a questa struttura, cui si appoggia con le spalle e il garrese, la vacca in piedi non può avanzare e “invadere” la mangiatoia, mentre non trova ostacolo quando deve coricarsi o alzarsi.

Inoltre questa struttura limita l’avanzamento anche quando la vacca urina o defeca, con grande beneficio per la pulizia della posta.

L’inclinazione della Y rovesciata inoltre è regolabile con un registro in base alla taglia della vacca, che è legata con un collare a un pezzo di catena. Quando è necessario con un apposito gancio si accorcia la catena e si può bloccare la vacca molto comodamente.

Interessante, no?

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.