Naso all’insù, l’agri-drone è già arrivato

Si chiama Agrodron ed è il primo agridrone ideato in Italia. Lo hanno sviluppato due aziende specializzate: la Italdron di Ravenna, che ha fornito il drone, e la Adron Technology di Udine, che ha realizzato il carico utile per le applicazioni in agricoltura.

Questo sistema è stato presentato per la prima volta in occasione della “Roma Drone Conference“, svoltasi il 28 gennaio scorso a Roma.

Il sistema Agrodron utilizza una piattaforma derivata dal quadricottero di Italdron “Highone HSE”, un drone radiocomandato dotato anche di autopilota e gps, con un peso massimo al decollo di circa 5,5 kg e un’autonomia di oltre 18 minuti di volo per ogni pacco di batterie.

Questo drone trasporta un kit-spargitore, cioè uno speciale contenitore progettato da Adron Technology capace di scaricare automaticamente in volo capsule di cellulosa o altri prodotti per l’agricoltura.

Agrodron, secondo i suoi realizzatori, consentirà di sostituire l’uso dei trattori per gli stessi trattamenti, riducendo a zero il danno alle colture e l’impatto ambientale, oltre ad aumentare sensibilmente la velocità e la precisione di applicazione.

Durante la conferenza è stata anche presentata la prima polizza assicurativa per la responsabilità civile nell’utilizzo di droni in agricoltura. Messa a punto da Pagnanelli Risk Solutions Ltd, la “GrowGreen Insurance” riguarderà i rischi derivanti dal monitoraggio delle coltivazioni e dei pascoli, ma anche dall’attività di irrorazione di concimi e fitofarmaci. La normativa ENAC, infatti, impone la copertura assicurativa per ogni attività svolta con gli Aeromobili a Pilotaggio Remoto.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *