Non sempre l’effetto push up è quello immaginato

Dell’effetto push up vogliamo parlarne?

Sicuramente è cosa gradita alla vista, dato che quello spingere e rialzare ha come risultato un che di appagante anche l’occhio. Sfido chiunque a non essere d’accordo. Perché tra una miscelata sparpagliata in mangiatoia, magari lontano dalla portata delle bovine, e una invece spinta vicino in un bel cumulo a portata di bocca c’è una bella differenza e la seconda situazione è sicuramente anche più piacevole da guardare. 

Perché di questo effetto push up parliamo, come tutti avranno ben capito fin dall’inizio: ossia dell’avvicinamento della miscelata alla mangiatoia.

Quante volte? Più volte possibile.

Si è visto che senza una costanza degli alimenti in mangiatoia, i soggetti più sottomessi arrivano a mangiare dal 14 al 23% in meno dei dominanti. Non solo. C’è un altro punto da non trascurare: molto spesso questi soggetti remissivi aspettano il loro turno in posizione eretta, quindi con affaticamento generale e stress notevole a carico dei piedi. 

Tuttavia non sempre il push up funziona come sperato

Anzi, c’è un errore da non fare, quando si va a spingere la miscelata verso la mangiatoia. E cioè sovrapporre molto alimento su una quantità già importante, creando un cumulo molto alto. Cosa che, con alte temperature e l’umidità della miscelata, potrebbe favorire le fermentazioni in mangiatoia, con crescita dei rischi di micotossicosi e clostridiosi.

Insomma, push up sì, ci mancherebbe. Ma senza esagerare.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *