Quel tranquillo calore

Vero, il freddo ancora si è sentito poco. Però quel lento bruciare, consumare, scaldare è cosa tipica di questa stagione, che può tranquillamente continuare fino alla primavera.

A guardarla bene è senza dubbio chiusa: a prima vista diresti proprio che non passa un filo d’aria. Tutto è sigillato a dovere, almeno così sembra.

Invece l’aria entra, eccome se entra.

E tutto quell’ossigeno va a bruciare piano piano il contenuto della massa all’interno, a partire dal cuore e poi sviluppandosi verso l’esterno. Non in maniera sfacciata, ma tranquillamente, con un calore che cresce, cresce, cresce e riesce a raggiungere temperature di tutto riguardo, consumando piano piano quei pezzettini di materiale, fondamentalmente cellulosico, ma non solo, presente all’interno.

Pezzettini adagiati uno sopra l’altro, ben schiacciati, o almeno così sembrava: ma effettivamente di spazio – e di aria – ce n’è, ce n’è.

Oh, intendiamoci: è tutta roba ecologica, perché non si produce calore con combustibile fossile. Roba che cresce e ricresce dalla terra.

Non c’è punto della grande Pianura – ma non solo – da dove non salga questo tranquillo calore, non c’è comune o frazione dove questa combustione non proceda.

Ora. Tutto questo è cosa gradevole e auspicabile parlando di stufa a pellet.

Ma qui si parlava di trincea di insilato chiusa male.

 

senza-titolo-5

 

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *