Ricerca, tecnica e trasmissione delle informazioni sul campo

 

Ci sono dati relativi a numerose stalle da latte italiane che non hanno nulla da invidiare alle migliori del mondo. C’è però una bella fetta di aziende nelle qual i numeri non sono entusiasmanti e si mantengono criticità.

 

Sono note quelle relative alla sfera riproduttiva. C’è il dato pesante della percentuale di vacche scartate nelle stalle entro i primi due mesi di lattazione. C’è l’età media al primo parto. C’è la percentuale elevata di primipare con più di 200mila cellule al primo controllo, e il dato peggiora per secondare e terzipare. Ci sono le realtà di sovraffollamento, pulizia carente, protocolli di mungitura inadeguati, produzione degli insilati e gestione delle trincee, eccetera.

 

Se queste criticità si mantengono negli anni e nei decenni in uno zoccolo duro di stalle ciò investe inevitabilmente anche  i meccanismi con cui la ricerca prima e l’informazione tecnica poi sono portate sul campo, ai destinatari.

 

Se certi messaggi non diventano cultura pratica, o lo diventano con grande fatica e solo parzialmente, mantenendosi sacche di bassa managerialità, significa che probabilmente non tutto funziona come dovrebbe nel travaso di formazione e informazione dalla ricerca alla stalla.

 

Vuol dire che ci sono ruote che girano, ma senza cinghie di trasmissione che le colleghino in maniera efficiente. Perché questo? Provo a immaginare qualche risposta.

 

La mancanza di strutture terze, non coinvolte direttamente nella commercializzazione, in grado di tradurre la ricerca in linee di condotta pratiche condivise e autorevoli. Certo, ci sono enti e organismi pubblici o para-pubblici, ma nessuno ha autorità, forza o struttura per imporsi a livello nazionale come punto di riferimento indiscusso.

 

La stessa Università – salvo lodevoli eccezioni – è stata per molto tempo sganciata da una sua “compromissione” positiva tra scienza alta e “prosaiche” necessità di chi deve fare reddito ogni giorno. Così, storicamente, la sintesi tra ricerca e stalla è stata fatta – e questo accade in larga misura tutt’ora – dalle aziende commerciali, con tecnici spesso estremamente preparati, non di rado con collegamenti diretti con le migliori università americane. Ma – giustamente – questa sintesi è fatta con un occhio di riguardo agli obiettivi commerciali dell’azienda per cui lavorano.

 

La stessa stampa tecnica non è immune da pecche e se la quantità di fogli e testate non ha prodotto  una crescita tecnica sul campo proporzionata ai fiumi di inchiostro versati ci sarà un perché.

 

Insomma: se i numeri e le realtà sul campo sono in chiaroscuro nessuno può sentirsi esente da colpe. Di merito o di metodo.

 

Ma, mentre in passato il prezzo generoso del latte copriva tutto, adesso la realtà è drammaticamente cambiata. Le inefficienze non corrette negli anni, la ricerca che non è diventata cultura pratica in stalla, faranno la differenza tra le aziende che riusciranno a scamparla e quelle che chiuderanno.

 

La riflessione è aperta. Certo è che così come si è configurato in Italia il meccanismo di travaso dalla ricerca alla pratica, nelle sue varie segmentazioni, non è efficiente. E’ un po’ come se ci fossero tante ruote sulle quali ogni criceto gira più o meno rapidamente senza però contatto con la ruota dove un altro criceto fa altrettanto e un altro ancora, accanto a lui, fa lo stesso.

 

Per la situazione economica in cui versano ora le stalle, però, c’è futuro solo se queste ruote sono ben collegate tra loro e il movimento di ogni criceto fa girare la propria ruota ma, nel contempo, aiuta il movimento anche di quella del  vicino.

 

senza-titolo-5

 

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *