Vitellaia da 10 e lode

Può un cambio di vitellaia dare un netto contributo alla diminuzione del consumo di farmaci nelle prime settimane di vita? Ovviamente sì, perché quando si tratta di vitelli e strutture per i vitelli le insidie sono tante e le soluzioni adottate non sempre sono adeguate alle sfide.

Eppure è cosa nota che tutto ciò che va a minare la salute del vitello nelle primissime settimane di vita ha un effetto negativo non solo nell’immediatezza, ma anche nei mesi futuri, condizionando la carriera produttiva della futura bovina.

Anche in questa stalla si è posta la questione della vitellaia e la soluzione scelta è non solo spettacolare quanto ad aspetto, ma anche estremamente efficace.

La scelta qui è stata quella di fare una vitellaia completamente all’aperto, con questi box provvisti di parchetto esterno. Ci sono quattro file da 20 box ciascuna.

Il vantaggio della soluzione plen air, posto che i box siano adeguati, con spazio al chiuso e spazio all’aperto, perfetto isolamento per evitare il caldo estivo e la condensa invernale, possibilità di aerazione interna, è sicuramente un punto di forza per avere sempre aria pulita.

La possibilità per il vitello di autoregolarsi, stando al coperto o all’esterno, è un altro punto di forza.

Nettamente più facili anche le operazioni di pulizia e disinfezione, con i box che possono essere facilmente spostati, lavati e disinfettati e con lettiera sporca e deiezioni rimosse facilmente.

Qui, in particolare, è stato deciso di realizzare un muretto in cemento alla fine di ogni corsia. Svezzati i vitelli (si fa una sorta di tutto pieno tutto vuoto per singola fila da 20 box) i box si spostano e con un semplice passaggio del mezzo si spingono tutte le deiezioni contro il muretto e quindi si caricano sulla pala e si allontanano.

Tra le file c’è una leggera pendenza che convoglia le deiezioni a una serie di pozzetti.

Il piazzale è illuminato da un paio di riflettori, per non farsi mancare niente.

Questa vitellaia c’è da circa un anno e il risultato è stato una drastica diminuzione dei problemi sanitari a carico dei vitelli e conseguente consumo di farmaci, il tutto, inevitabilmente, accompagnato da un incremento del peso raggiunto dai vitelli allo svezzamento.

Ognuno trova le sue vie e non c’è una regola unica valida per tutti quando si parla di strutture e soluzioni, ma di sicuro partire dal vitello è il modo migliore per cominciare col piede giusto la carriera di una bovina.

E che in tutto ciò abbia la sua importanza la vitellaia è evidente.

526f3c96-e09d-4dc0-807b-ceed1a724fea4ee19f5c-45b9-4ae7-b01a-251d78dccfbc