La mossa del tubolare in cuccetta (e la misura è perfetta)

Se è vero che ogni cuccetta non può essere a misura perfetta per la bovina che ospita, come fosse un paio di scarpe, è anche vero che combinare una misura ottimale della cuccetta taglia della bovina significa benessere animale, ma anche pulizia della lettiera, minori problemi alla mammella, minori cellule nel latte.

 

Detto ciò vediamo cosa è stato fatto qui.

 

Premessa: la mandria è suddivisa con rigore in più gruppi: pluripare, secondipare e primipare.

 

Già qui una prima sottolineatura va fatta: il gruppo delle secondipare, laddove ci sono le condizioni per realizzarlo, è di grandissima utilità. Per una questione di alimentazione e di misure.

 

Restiamo alle misure.

 

Qui le cuccette hanno una misura variabile grazie a un tubolare (messo davanti al cuscino vero e proprio) e fissato con delle fascette metalliche alle rispettive bandiere di ogni cuccetta. In questo modo la cuccetta è sempre la stessa, ma lo spazio per il coricamento cambia.

 

Alle misure di ciascun animale corrisponde la cuccetta ottimale per combinare fruibilità e pulizia della lettiera.
Per le primipare è più corta, un po’ di più per le secondipare e quindi per le pluripare.

 

Se non ci fosse questo tubolare primipare e secondipare si coricherebbero più avanti e defecherebbero nella cuccetta.

 

Invece per ogni gruppo il tubolare mobile è stato fissato misurando prima lo spazio più adatto, non troppo né troppo poco, riducendo al minimo l’imbrattamento della lettiera.

 

Niente di spettacolare, ma la via dei risultati passa il più delle volte da misure piccole ma che, moltiplicate per il numero della vacche della mandria, contribuisce e fare cose abbastanza grandi in termini di risultati.

img_1741

img_1740

img_1743

img_1739