Lettiera di sabbia (in pendenza o no): erpicare non basta

Mi riallaccio al tema della lettiera di sabbia nella stabulazione libera e al concetto di lettiera in pendenza, anche se la questione è generale e riguarda anche il caso in cui la lettiera non sia in pendenza (anche perché di stalle con lettiera di sabbia in pendenza non ce ne sono).

 

Qualche spunto aggiuntivo.

 

Tra le questione sollevate c’era anche quella riguardante l’erpicatura quotidiana: potrebbe questa essere sufficiente a far fronte al problema delle deiezioni e urine, senza dover pensare a un ricambio della sabbia, a patto che questa sia in uno strato abbastanza profondo?

 

 

Ebbene, l’erpicatura non basta. Supporta un po’ più di evaporazione e quindi riduce un po’ del volume di umidità da smaltire, ma ci sarà sempre una parte di urina che drena verso il fondo e qui vi ristagna, poco influenzata dall’erpicatura.

 

 

Ma la questione lettiera non è solo quella dell’umidità da rimuovere, che potrebbe essere anche un problema relativo. Il problema è la contaminazione della sabbia: questa sabbia, contiene una quantità crescente di urine e feci, in funzione dello spazio per capo, quindi si sporca e va sostituita.

 

 

La funzione del pavimento in pendenza è proprio quella di provvedere all’allontanamento di questa sabbia sporca, con la creazione di un flusso trasversale nella stalla in direzione della pendenza.

 

 

Non è neanche detta che la lavorazione sia del tutto necessaria in questo tipo di stalla: si potrebbe pensare che il solo calpestio degli animali possa fare un effetto erpicatura.

 

 

Un sistema in pendenza potrebbe richiedere anche mq inferiori rispetto al sistema canonico, considerando che la sabbia sporcata viene allontanata con la pendenza in maniera abbastanza continua.

 

 

Come detto, tutto si basa su pendenza, superficie e la profondità della stalla.

 

 

Già, perché diventa difficile pensare a una stalla con una lettiera in pendenza larga ad esempio 20 metri – supponiamo – perché si fa fatica a creare questo flusso trasversale.

 

 

dsc_0960.jpg