The Floating Piers

Certo, muoversi non è facile: la via è stretta e le difficoltà cominciano presto, già all’alba. E poi c’è l’insidia del tempo, la pioggia o il sole cocente sopra la testa. Bisogna capire come muoversi, a chi rivolgersi, cosa scegliere.

Per camminare si cammina, ma tutto è fluttuante, non c’è solidità.

La meta è un’isoletta lontana, che a volte sembra vicina, altre volte si trova il percorso bloccato da un imprevisto.

Un senso di provvisorietà circonda  tutto quanto ed è vero che c’è molto appoggio da parte delle gente comune,  ma  è difficile allontanare il sospetto che,  quando il tema non sarà più di attualità, chi adesso mostra grande attenzione troverà altri argomenti a cui appassionarsi.

Il tutto è complicato dalla grande presenza straniera, che arriva nel nord Italia senza difficoltà e aumenta un ingorgo che sembra non finire mai

.

Una massa liquida indifferenziata circonda a tutto e tutti.

E  l’orgoglio di una produzione italiana? Certo, quello c’è, ma non dimentichiamo che chi tiene le fila e decide chi entra e chi sta fuori italiano non lo è.

Insomma, produrre latte in Italia assomiglia molto alla passerella di Christo sul lago d’Iseo. Solo che  è così 365 giorni all’anno.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *