Un’ora di tempo bene investita

Un’ora ogni due settimane. Eppure ha cambiato in meglio lo svolgimento delle cose, i risultati e anche l’armonia con cui si lavora in stalla, che poi sono cose tutte unite e collegate.

È questa l’esperienza di una grande azienda emiliana, che in pochi anni è assai cresciuta numericamente, con una mandria divenuta importante e – giocoforza- un peso crescente della manodopera dipendente rispetto a quella famigliare.

E si sa come vanno le cose in questi casi: la gestione del personale è spesso una strettoia complicata, imprevista, e il risultato finale della stalla ne viene penalizzato.

Perché un conto è avere le idee chiare e le strutture giuste, e magari anche la mandria come si deve, ma poi tutto o quasi è delegato, fatto da altri, e qui, in tanti casi, cominciano i problemi: chi fa cosa, come, quando? E come si sa chi ha fatto cosa, come e quando?

Da qui una scelta importante, anzi, due. La prima: dotarsi di protocolli semplici, chiari, ripetibili allo stesso modo da chiunque.

Ma, soprattutto, la seconda: trovare un’ora ogni due settimane in cui tutto il personale della stalla sta nella stessa stanza, si parla, di ragiona, si discute, ci si aggiorna a vicenda, si sottolineano problemi, si ipotizzano soluzioni. 

E, parola di uno dei titolari, le cose sono migliorate, decisamente migliorate. Aumentare il coinvolgimento di tutto il personale nelle vicende della stalla si è dimostrato un ottimo investimento: un’ora di tempo bene investita.  

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *