Ventilazione col tubo in sala mungitura, per il caldo e per il fresco

È decisamente improbabile che una vacca da latte possa sedere su una poltrona d’aereo e con gli arti superiori protesi verso l’alto vada aggiustando il cilindretto cavo che convoglia l’aria verso il basso. 

Eppure, se mai questo dovesse accadere, e se si trattasse di una bovina di questa stalla reggiana, si troverebbe sopra la testa una cosa famigliare.

Come potete vedere dalle immagini, infatti, in questa sala di mungitura a giostra, per quaranta poste, è stato installato un sistema di ventilazione abbastanza raro da vedere applicato, ma che ha tutti i requisiti per dare ottimi risultati. Partirà a breve, ma è un’idea interessante che non posso non presentare.

Molto semplicemente si tratta di un sistema a tubo in materiale plastico, che si sviluppa lungo tutto il corso delle poste di mungitura, sostenuto da strutture metalliche aggiunte ad hoc.

Questo tubo è forato verso il basso e in corrispondenza dei fori ci sono i condotti che orientano l’aria in uscita verso il basso.

A monte c’è il ventilatore con sistema di raffrescamento e riscaldamento dell’aria soffiata nel tubo, che qui è posto nella sala con il tank del latte. Collettore metallico a due vie per le due branche del tubo e il gioco è fatto.

Aria calda per l’inverno, aria fresca per l’estate.


Più comfort per le bovine e per chi munge e anche meno mosche.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.